Ricerca

Tumore o dagli interventi medici nella diagnosi e nel trattamento della malattia. Il dolore acuto è solitamente causato dai trattamenti oncologici mentre quello cronico può essere causato sia dai trattamenti che dal cancro. Il tumore può provocare dolore irritando o danneggiando i nervi, attivando speciali fibre nervose chiamate nocicettori, o rilasciando sostanze chimiche che rendono i nocicettori sensibili a stimoli a cui normalmente non risponderebbero. Radioterapia e chemioterapia  sono esempi di trattamenti che a volte causano un dolore persistente anche dopo che il cancro è stato curato. Circa la metà di tutti i pazienti oncologici prova dolore. È molto comune negli stadi finali della malattia. Il dolore può essere eliminato o controllato nell'80-90% dei casi con l'uso di farmaci o altri sistemi, ma quasi uno su due pazienti non riceve cure ottimali. Le linee guida al miglior uso di farmaci nel controllo del dolore oncologico sono state pubblicate dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e da altre organizzazioni mediche nazionali e internazionali.   I professionisti nel campo sanitario hanno l'obbligo etico di assicurarsi, quando possibile, che i loro pazienti siano informati riguardo ai rischi e ai benefici associati alle opzioni per la gestione del dolore. Una gestione del dolore adeguata potrebbe allungare leggermente la vita di un paziente terminale.

Scarica